Monitoraggio

  • Nel primo anno, solitamente i controlli vengono effettuati ogni 3 mesi. Di norma la frequenza dei controlli si riduce poi ad una volta all’anno, soprattutto nei casi in cui non vi siano sintomi o altri segni che possono far sospettare una ripresa della malattia.

    I controlli normalmente consistono in una palpazione del collo, un’ecografia del collo ed un esame del sangue per valutare la tiroglobulina (Tg) ed altri parametri.

    Periodicamente, può venir anche eseguita una scintigrafia con basse attività di radioiodio. In alcuni casi può essere necessario eseguire ulteriori accertamenti diagnostici.

    I controlli a lungo periodo variano in base al tipo di tumore e altri fattori, come ad esempio l’età.

  • Il cancro differenziato della tiroide ha una prognosi, in termini di sopravvivenza, eccellente. Tuttavia non va trascurata la possibilità che si presentino delle recidive locali o dei linfonodi del collo. Una recidiva locale o loco-regionale si osserva infatti nel 5-20% dei pazienti. A causa della lenta crescita e della scarsa aggressività, queste recidive si possono verificare anche dopo dieci anni dalla diagnosi e dal trattamento. Questo è il motivo per il quale, in questo tipo di cancro, i controlli vanno eseguiti per un lungo periodo