Cancro della tiroide

  • Le forme differenziate di cancro della tiroide (papillare e follicolare) hanno una probabilità molto bassa di dare recidive. Dopo la chirurgia e l’eventuale ablazione, la maggior parte dei pazienti può ritornare a condurre una vita normale, anche se in molti casi sarà necessario seguire un regolare piano di controlli. Inoltre, poiché la tiroide è stata rimossa, l’organismo non è più in grado di produrre gli ormoni tiroidei e quindi il paziente dovrà assumerli sotto forma di terapia sostitutiva. Studi di lungo termine hanno evidenziato che, nella maggior parte dei pazienti, il cancro della tiroide non peggiora l’aspettativa di vita dei pazienti.

    Esiste tuttavia la possibilità, in una piccola percentuale dei casi, che il tumore presenti delle recidive, locali o a distanza. La probabilità di sviluppare delle recidive dipende dal tipo di tumore, dallo stadio alla diagnosi e dall’età di insorgenza (i soggetti giovani hanno tendenzialmente una prognosi migliore di quelli anziani).